universita degli studi di cassino e del lazio meridionale
UnicasNet
Sabato 30 Luglio 2016
ricerca

Sistema Biblotecario di Ateneo
 

Ricerca diretta Catalogo d'Ateneo

Pubblicato alle ore 13:41 del giorno 19/05/2015

Norme d'accesso e Codice deontologico

Pubblicato alle ore 12:58 del giorno 08/05/2012

Norme di accesso e comportamento

L’ammissione nel locali del Centro di Servizi di Biblioteca (CSB) umanistico comporta il rispetto di norme di comportamento e regole di convivenza proprie della frequentazione di un luogo di studio e di ricerca.

I posti di lettura e le postazioni informatiche sono destinati prioritariamente agli utilizzatori del patrimonio documentario del CSB ed a coloro che effettuano ricerche bibliografiche e di studio.

Nelle Sale di Lettura non è consentito parlare o studiare ad alta voce, introdurre cibi e bevande, utilizzare apparecchiature rumorose (telefoni cellulari, lettori di CD, DVD, MP3, MP4, etc.) e disturbare in qualsiasi modo gli altri utenti.

Non è possibile introdurre nelle Sale zaini, borse o altri contenitori; tutti i suddetti oggetti vanno depositati nelle apposite cassettiere messe a disposizione dalla struttura. Il CSB non è responsabile degli oggetti e dei beni personali introdotti dagli utenti nei suoi locali o depositati nelle cassettiere.

È vietato danneggiare libri, apponendovi segni o annotazioni, e prendere a qualsiasi titolo materiale librario prima che sia perfezionato l’iter dell’acquisizione, della catalogazione o senza le ordinarie procedure di consultazione e prestito.

Le postazioni informatiche della biblioteca vanno adoperate per scopi di ricerca e di studio e le configurazioni hardware e software non vanno in alcun modo manomesse; guasti o disfunzioni vanno segnalati al personale.

Fatto salvo il risarcimento di eventuali danni, le sanzioni previste per coloro che non osservano le suddette norme sono, a seconda della gravità delle infrazioni: il richiamo verbale, il richiamo scritto, l’esclusione temporanea dalla Biblioteca con sospensione dai relativi servizi ed infine la comunicazione agli organi superiori (Dipartimenti, Rettorato).

Tutti gli utenti, interni ed esterni, hanno diritto all’accesso ai locali e ai servizi del CSB previa verifica con il personale addetto della regolarità della loro iscrizione: per gli utenti interni (docenti, studenti, dottorandi, personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo) l’iscrizione avviene con un riversamento automatico dei dati, tramite le segreterie dell’Università, essi devono comunque completare la registrazione con la verifica dei dati e il ritiro del tesserino; per gli utenti esterni l’iscrizione deve avvenire previa lettera di richiesta di accesso ai locali ed ai servizi del CSB da consegnare alla Direzione della biblioteca, una volta accettata la domanda gli utenti verranno invitati a perfezionare l’iscrizione e a ritirare il tesserino.

Si rimanda alla sezione “Consultazione e prestito” per maggiori informazioni sul tesseramento.

Il Codice deontologico del bibliotecario

Pubblicato alle ore 13:17 del giorno 08/05/2012

L’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) ha approvato durante l’Assemblea generale dei soci, tenutasi a Napoli il 30 ottobre del 1997, la versione aggiornata di questo codice etico destinato a coloro che svolgono o che ambiscono a svolgere la professione bibliotecaria. Questo codice, si legge nelle prime righe, non è un codice di norme giuridiche ma impegna il bibliotecario in quanto professionista.

Il Codice, del quale si riportano di seguito alcuni passaggi significativi, è strutturato in preambolo e tre sezioni (1. Doveri verso l’utente; 2. Doversi verso la professione; 3. Doveri vero i documenti e le informazioni).

Dal preambolo:

Il Codice deontologico del bibliotecario rappresenta lo statuto dell'autonomia della professione … [e] … stabilisce i doveri del bibliotecario nei confronti dell'utente e della professione.
Da “Doveri verso l'utente”:

1.2. L'informazione fornita dal bibliotecario è completa, obiettiva e imparziale, cioè non condizionata da punti di vista, idee e valori del bibliotecario stesso né da enti politici o economici esterni.

1.3. Nella gestione della biblioteca e nel servizio al pubblico il bibliotecario non accetta condizionamenti in ordine a sesso, etnia, nazionalità, condizione sociale, fede religiosa o opinioni politiche.

… 1.4. Il bibliotecario ripudia e combatte qualsiasi forma di censura sui documenti che raccoglie e organizza e sull'informazione che fornisce.

… 1.6. Il bibliotecario, nello svolgimento della sua professione, non deve trovarsi in posizione di conflitto di interessi e non utilizza per interesse personale informazioni e risorse di cui dispone per il proprio ufficio.

Da “Doveri verso la professione”:

2.1. Il bibliotecario deve onorare la professione, con profonda consapevolezza della sua utilità sociale.

.. 2.4. Il bibliotecario, nella propria attività professionale, ispira il proprio comportamento verso i colleghi di lavoro a correttezza, rispetto e spirito di collaborazione.

Da “Doveri verso i documenti e le informazioni”:

… 3.2. Il bibliotecario si impegna a garantire la trasmissione della conoscenza mediante la razionale organizzazione dei documenti e agendo con imparzialità e cultura professionale.

… 3.3. Il bibliotecario, consapevole del contesto globale in cui opera, si impegna a promuovere singolarmente e in forma cooperativa l'integrazione dei diversi sistemi informativi e la rimozione degli ostacoli organizzativi e geografici che limitano la circolazione delle informazioni e dei documenti.

Per la lettura integrale del Codice si rimanda al sito: AIB – Codice deontologico



Unicas HelpDesk

"Più semplice della Mail più veloce del Telefono..."

Attraverso il Supporto online Unicas puoi contattare direttamente un ufficio o una segreteria per tutte le informazioni che riguardano l’Università di Cassino: tasse e contributi, piani di studio, immatricolazioni, iscrizioni, offerta formativa, esami e sedute di laurea, master, esami di stato, concorsi, gare, trasparenza, amministrazione, ufficio stampa, ecc…

ACCEDI AD UNICAS HELPDESK